Sensibilità all'ossidazione dei vini: finalmente un test predittivo rapido

Fino ad ora, solo la degustazione ha permesso agli enologi di valutare la sensibilità all'ossigeno dei loro vini. "Abbiamo sviluppato il test di Tendenza all’Evoluzione per fornire una risposta concreta agli enologi che desiderano conoscere la sensibilità all'ossigeno dei loro vini e il rischio associato dell’ ossidazione", spiega Stéphane Vidal, Vice-President Enology & WQS.

Grazie ad un'analisi elettrochimica del vino effettuata con NomaSense PolyScan P200, l'enologo ottiene un'indicazione della capacità dei suoi vini di reagire con l'ossigeno per costruire una migliore resistenza o, al contrario, subire un danno ossidativo. “ll TE consente di determinare se il vino, nel suo stato attuale, è più o meno sensibile", spiega Christine Pascal, WQS Business Unit Manager.

In generale, la sensibilità all'ossidazione di un vino cambia nel tempo e dipende dalle operazioni subite dal vino durante la vinificazione e l'invecchiamento. Il risultato del test può quindi cambiare durante il processo di vinificazione e la sua interpretazione è legata alla fase di vinificazione. "I risultati del test di Tendenza all’Evoluzione consentono di classificare i vini in 2 categorie: vino sensibile e vino insensibile. A seconda del risultato del test, gli utenti possono adattare la propria scelta dell’ invecchiamento, assemblaggio e persino tappatura ", continua Christine Pascal.

"Con questo test, il nostro analizzatore di polifenoli fornisce maggiore precisione e assistenza ai viticoltori nella gestione della produzione dei loro vini. Oltre alle degustazioni regolari, offriamo di guidarli nelle loro scelte tecniche per adattare gli itinerari in base alla sensibilità dei vini analizzati ”, aggiunge Romain Thomas, Business Developer WQS.

Know more

Condividi questo articolo :