NomaSense Color P100

L’estrazione del colore durante la vinificazione, la stabilizzazione del colore durante l’invecchiamento e l’evoluzione del colore durante l’invecchiamento nella bottiglia sono tutti aspetti di notevole importanza per le aziende vinicole. Nell’industria vinicola moderna, il colore può diventare una firma per alcuni tipi di vini. Nel caso dei vini rosati, ad esempio, il colore è una componente importante della qualità e può influenzare le decisioni d’acquisto dei consumatori. Di norma, il colore del vino viene misurato in laboratorio per mezzo della spettrofotometria (intensità e tonalità di colore) o della colorimetria (coordinate L*, a*, b*). I campioni sono prelevati dalle cantine e poi inviati al laboratorio per ottenere i rilevamenti cromatici. Nel caso della spettrofotometria, l’analisi può richiedere una fase di preparazione dei campioni in cui vengono eliminate le particelle solide.

In base alla tecnologia della riflettanza, il colorimetro portatile NomaSense™ Color P100 permette di misurare le coordinate L*a*b* direttamente nella cantina. Non è quindi necessario preparare i campioni prima di effettuare i rilevamenti cromatici, che possono essere eseguiti anche su campioni ancora in lavorazione, consentendo di prendere decisioni immediate.