Nomasense O2 P300&P6000

L’ossigeno gioca un ruolo essenziale nell’evoluzione del vino, dall’inizio del processo di vinificazione fino al momento della degustazione del vino. La sua gestione influenza tutte le caratteristiche organolettiche del vino (aromi, struttura e colore). Saper controllare e monitorare l’apporto di ossigeno è quindi un vero e proprio strumento per ottimizzare la qualità del prodotto finale.

Gli analizzatori portatili NomaSense O2, grazie all’innovativa tecnologia basata sulla luminescenza e all’utilizzo di un sistema di sensori non a distanza, sono stati progettati per misurare direttamente in cantina sia l’ossigeno disciolto nel vino sia la concentrazione di ossigeno sottoforma di gas. La misurazione dell’ossigeno può quindi essere realizzata in tutte le fasi della vita del vino e in particolare al momento del confezionamento in bottiglia o in contenitori Bag-in-Box®.

Le capacità di misurazione di NomaSense O2 P6000 soddisfano anche i requisiti analitici e di ricerca dei laboratori in termini di analisi di tracce per la misurazione della permeabilità di diversi tipi di confezione (soprattutto dei tappi per vino) o per il monitoraggio delle concentrazioni di ossigeno disciolto molto basse durante le fasi di invecchiamento. Questa tecnologia è stata avvalorata attraverso una collaborazione scientifica con istituti rinomati a livello mondiale. Attualmente, i centri di ricerca enologica più influenti la utilizzano nei loro programmi per comprendere meglio l’influenza dell’ossigeno sullo sviluppo del vino.